Gazelle Twin - Unflesh

06.11.14 - posted by Federica Amoruso

Cover

Le parvenze ben studiate di una ragazzetta antisociale priva di viso, acconciata a mo’ di taccheggiatrice seriale in tuta blu elettrico, celano le spoglie di una raffinata artista, produttrice nonché compositrice originaria di Brighton, Inghilterra, all’anagrafe Elizabeth Bernholz.
“Unflesh” , la sua ultima fatica, è un album straordinariamente originale nella sua complessità, cupo quanto accattivante grazie alla voce angelica della Bernholz che vaga tra melodie sognanti e bassi a dir poco viscerali.
“Unflesh” segue degnamente l’esordio, a dir poco ignorato in terra nostrana, di due anni fa,”The Entire City”.
Ma “Unflesh” rispetto al suo predecessore mette da parte qualsiasi orpello stilistico optando per arrangiamenti secchi, diretti, carichi di rabbia malcelata che arrivano all’ascoltatore come pugni nello stomaco.
Ne è perfetto inno “Anty Body”,che tra melodie ancestrali ed inquietanti, beat serrati ed un testo a dir poco claustrofobico racchiude il senso estetico dell’intero album.
Il tutto permeato da un’elettronica raffinata che sfuma a volte nella dance, altre nel trip hop, rimanendo sempre durissima e paradigmatica, perfetta compagna dei viaggi vocali di Elizabeth, presupposti indispensabili di “Guts” e della trascinante “Belly Of The Beast”, che portano avanti con coerenza nei titoli e nei testi il tema della visceralità alla base del concept dell’album.

E’ quindi abbastanza facile lasciarsi – morbosamente – affascinare da questa miscela esplosiva di rabbia pseudo-adolescenziale, elettronica purissima e genio artistico. Non per deboli di stomaco.

 

Tracklist

1 Unflesh 
2 Guts 
3 Exorcise 
4 Good Death
5 Anti Body 
6 Child
7 Premonition 
8 A1 Receptor 
9 Belly of the Beast 
10 Human Touch 
11 I Feel Blood 
12 Still Life 
 

comments powered by Disqus