Nicolas J. Roncea - Eight (part one)

06.11.14 - posted by c.mcintosh

Cover

Nicolas J. Roncea è un cantautore che canta in inglese, originariamente francese ma cresciuto in Italia. Sicuramente un gran bel miscuglio. Ha collaborato con componenti di band importanti come Verdena, Marta sui Tubi e Perturbazione, ma non solo. Dopo i suoi primi due lavori, arriva con il suo terzo lavoro, che sarà però una trilogia con 8 brani per album. Il 30 maggio è uscito "Eight-part one", il primo lavoro di tre, che vede regnare la musica acustica, più intima e nostalgica, matura e vissuta. Tutta un'altra cosa dal suo album di debutto, "News from Belgium". In ognuno dei tre album facenti parte di "Eight" c'è un tributo ad un artista famoso internazionale, e nella prima parte c'è una cover di Damien Rice. I temi trattati in questo album sono la tristezza, la solitudine, la sfiducia negli altri e nell'amore e la nostalgia.

Questa "part one" inizia con "Forever with the Ghost", in cui si sente subito una chitarra intensa e questa voce malinconica, nient'altro che questi due strumenti musicali. Subito questa traccia trasmette tristezza e malinconia. Passiamo poi a "Sand in My Eyes", che è meno triste, sicuramente nostalgica, ma la musicalità di questa traccia e anche la voce di Nicolas hanno una piccola scintilla di allegria. La successiva, "The Storm", colpisce subito nel cuore, a mio parere. La voce roca e più bassa, la chitarra intensa che l'accompagna, e subito ci è chiaro il tema della canzone: l'amore. Sopraggiunge poi una chitarra incalzante e una voce dolce e tenue con "Find Me", creando subito un'atmosfera di tristezza. Mi potrei quasi commuovere. E' ora il turno di "He's Wrong", dove il ritmo si fa più veloce e la voce di Nicolas più appassionata, quasi arrabbiata a tratti. Passiamo poi a "Mari J", una storia cantata di questa ragazza, canzone terribilmente malinconica e triste. Sempre con questa tristezza nel cuore, si passa a "December", che non ci fa sicuramente tornare allegri. Infine, ultima traccia dell'album è "Animals Were", cover di Damien Rice e riesce a non sminuire la grandezza di Damien e nemmeno quella sua di cantautore. 

Un album di per sè emozionante, forse sono di parte perchè preferisco l'intimità creata da una chitarra e da una voce, ma i testi e le emozioni che trasmette la voce di Nicolas sono oggettivamente eccezionali. Un lavoro pieno di sentimento, perfetto per amanti di Damien Rice, Elliott Smith, Micah P. Hinson, Bon Iver, Bonnie Prince Billy. In attesa delle altre due parti.

Tracklist
1. Forever with the ghost
2. Sand in my eyes
3. The Storm
4. Find Me
5. He's Wrong
6. Mari J
7. December
8. Animals Were

comments powered by Disqus