Wild Beasts - Present Tense

20.03.14 - posted by George

Cover

C’è da fare una premessa al nuovo lavoro dei Wild Beasts: tutto il disco non è come Wanderlust. Il primo singolo aveva alzato l’asticella delle aspettative dall’alto all’altissimo e quindi forse è inevitabile restare invece leggermente più delusi all’ascolto di questo “Present Tense” che prosegue nella marcia più elettronica e ricercata che la band aveva già intrapreso con “Smother”.

La premessa era d’obbligo perchè il disco si apre appunto alla grandissima con il singolo, vera e proprio traccia bomba del disco e di questo 2014, ma alla quale riesce raramente a dare seguito nelle restanti dieci tracce, anzi possiamo ridurre a quattro il numero dei brani che alla fine ci consentono di continuare a pensare ai Wild Beasts come ad una delle migliori realtà della scena indie britannica: Mecca, dal gusto molto sofisticato ed evocativo, Sweet Spot, che invece suona fresca e leggera come forse avremmo sperato tutto il disco,  A Simple Beautiful Truth, che rappresenta bene il sound che aveva reso grande la band con i primi due lavori e Past Perfect, anch’essa soffusa e notturna ma capace di fare presa emotiva immediatamente. La media del disco dunque non è così scarsa, tutto sommato averne di dischi in grado di regalare quattro/cinque brani riusciti, il problema maggiore quindi risiede nelle altre tracce che fanno un po’ peggio del mero riempimento ed amplificando i toni elettronici e ricercati finiscono per essere delle bruttissime copie degli ultimi Radiohead ad esempio.

Rimane più la delusione per quello che poteva essere questo “Present Tense” e che invece non è stato: ci troviamo di fronte ad un buon lavoro capace di consolidare il nome ed il valore dei Wild Beasts, ma per farli diventare uno dei punti di riferimento del genere c’è ancora da ripassare.

Tracklist:

01. Wanderlust
02. Nature Boy
03. Mecca
04. Sweet Spot
05. Daughters
06. Pregnant Pause
07. A Simple Beautiful Truth
08. A Dog's Life
09. Past Perfect
10. New Life
11. Palace

comments powered by Disqus