Pompeya - Tropical

05.11.13 - posted by c.mcintosh

Cover

Prendono ispirazione dalla disco anni 70, dal new wave degli anni 80 e dall'indie degli anni 90, mescolano il tutto e danno vita a linee synth, vibranti armonie e un imperturbabile indie rock. Sto parlando dei Pompeya, gruppo indie rock moscovita, che sta letteralmente incendiando le piste della Russia e degli Stati Uniti. La produzione del loro album autoprodotto "Cheenese" nel 2010 li ha portati ad un tour intensivo in Russia e nell'Europa orientale, dopodichè si misero al lavoro al loro EP "Foursome", pubblicato poi nel 2012 e registrato con Christopher Haynes in LA’s Bedrock Studios. Questa collaborazione portò alla firma di un contratto con Gala (appannaggio della Warner Music) e con la No Shame Records negli US. I Pompeya si imbarcano così in un tour tutto made in the USA nel maggio 2013. A ottobre è uscito il loro album full length di debutto "Tropical", in versione digitale e LP 12", con la No Shame Records. Questo album contiene i singoli di successo "Power", "Slaver" e "90", accompagnati da video e remix.

Lo stile della band è unico, perchè nonostante la loro etichetta indie, si sente poco questo genere. Il groove di sottofondo caratteristico della disco funk degli anni 70 è la nota di stile dei Pompeya, che se lo portano avanti per tutte e 12 le tracce. Non manca comunque la chitarra e quella melodia indie, ma è messa in secondo piano dalle sonorità synth e dall'armonia new wave, poco incline a riff di chitarra e ritmi sfrenati. Nonostante ciò i ritmi sono comunque inclini al ballo e al movimento ondeggiante del corpo. Mi viene quasi in mente un John Travolta ne "La febbre del sabato sera", ma è una palese esagerazione la mia, ma serve anche a dare un'idea di quel che sento quando ascolto questa band. Ogni traccia ha un filo rosso che lega l'altra in termini di musicalità e ritmo, che nel complesso portano alla creazione di un album con un funky groove e una voglia di ballare ad ogni traccia. Un album da gustarsi in versione LP, con una buona birra e degli amici.

comments powered by Disqus