The Strypes - Snapshot

22.10.13 - posted by c.mcintosh

Cover

Formatisi a Cavan, Irlanda, i The Strypes sono composti da quattro giovanissimi: Ross Fareley(voce principale/armonica), Josh McClorey(chitarra/voce), Pete O'Hanlon(basso/armonica) e Evan Walsh(batteria), i quali hanno tra i 16 e i 18 anni. Tra il 2008, anno di formazione, e il 2012, anno di pubblicazione del primo EP autoprodotto "Young, Gifted & Blue", questa giovane band si è data da fare nella scena locale irlandese, cambiando ruoli per riuscire a trovare il giusto sound. Il loro successo in terra nativa arriva da una traccia del loro primo EP, che hanno preparato e promosso loro stessi facendola arrivare in vetta nella Blues Chart di iTunes, "You Can't Judge a Book", che diventò una hit minore alla radio. Con la visibilità data dalla traccia e dall'EP, nasce una lotta tra le maggiori label. Nel frattempo, cominciano a suonare nei club e venues a Londra, finchè non decidono di firmare con la Mercury Records nel dicembre 2012. Dopo questa firma, la band è apparsa in magazines come NME e Mojo, e in molti quotidiani nazionali. Grande fan di questa band è niente di meno che Sir Elton John, che nel febbraio 2013 al Chelsea Lately dice di loro che "hanno una conoscenza del R&B e del blues a 16 anni che nemmeno io ho ammassato nei miei 65 anni. Sono come una boccata d'aria fresca."

Infatti questi ragazzini sono una boccata d'aria fresca. E lo si può vedere nel loro primo album "Snapshot", pubblicato il 9 settembre 2013 per la Virgin EMI Records. 12 tracce di puro rhythm e blues, un twist di rock'n'roll e country americano. Insomma, impossibile resistere alla loro sfrenata energia e al sound accattivante. Il cd si apre con "Mystery Man", con un chitarra sporca e testarda che poi dà il via ad un suono scatenato. E così via fino alla fine circa dell'album che si chiude con "Rollin' & Tumblin'", un misto tra punk e blues e rock'n'roll ma sicuramente qualcosa che, come dice la canzone, ti fa venir voglia di rotolare e inciappare a forza di ballare. La versione deluxe dell'album contiene quattro ulteriori tracce, di cui due live: "Heart of the City" di pura ispirazione country, "Beautiful Delilah" che ricorda un country leggermente punk, "C.C. Rider(live)" con un timbro accattivante di blues rock e infine "I Can Tell(live)", un tripudio di rock'n'roll, no scusate, di Rock'n'Roll. Ogni traccia di questo album è un monumento al blues e al rock. Questa piccola infame band ha saputo conquistare molti grandi rocker come Dave Grohl e Miles Kane, e non mi stupisco se riesce a conquistare anche voi. A voi l'ascolto.

Tracklist (DELUXE Edition)
1. "Mystery Man"   
2. "Blue Collar Jane"   
3. "I'm a Hog for You Baby"   
4. "What the People Don't See"   
5. "She's So Fine"  
6. "I Can Tell"   
7. "Angel Eyes"   
8. "Perfect Storm"   
9. "You Can't Judge a Book by the Cover"   
10. "What a Shame"   
11. "Hometown Girls"  
12. "Heart of the City"   
13. "Rollin' and Tumblin'"  
14. "Beautiful Delilah"   
15. "C C Rider (Live at King Tuts, Glasgow/2013)"  
16. "I Can Tell (Live at King Tuts, Glasgow/2013)"  

comments powered by Disqus