Supermassive black hole

06.10.06 - posted by darkmavis Share

Questa non è una recensione, ma bensì una riflessione. Qualche tempo fa comprai l'ultimo album dei Muse, ovvero "supermassive black hole", non con qualche riserva, infatti l'album "origin of simmetry" del 2001, mi aveva lasciato un saporaccio in bocca (l'ho ascoltato 3 volte in tutto, e subito mi ha annoiato).

Ai primi ascolti mi piacevano solamente la 2°, 3° e 4° traccia, e per un po' lo lasciato lì, nel mio porta cd in macchina, ad ammuffire un po', finchè l'altro giorno non ho deciso di ritirarlo fuori, forse perchè avevo voglia di riascoltare la quarta traccia (perdonatemi se uso il numero della traccia, ma ho una pessima memoria per i titoli delle canzoni, e vado a memoria con il numero della traccia che mi mostra il display della mia autoradio), o forse perchè non sapevo proprio cosa mettere, cmq sta che riascoltandolo un po' meglio, ho apprezzato anche altri pezzi, e alla fine solo la traccia 5, 6 e 10 del cd continuavano a non piacermi. 

Forse ai primi ascolti mi aspettavo qualcosa di diverso dai Muse e dal loro cd, chissà, sarà perchè spero sempre che gli altri dischi siano energici come il loro primo disco? Forse non riesco ad accettare che un artista si evolva in qualcosa di diverso con l'andare del tempo? Un po' come hanno fatto i Radiohead, dei quali adoro i primi 3 album, mentre i successivi mi hanno lasciato totalmente indifferente...

Insomma, anche questo disco è entrato a far parte della mia lista di cd da ascoltare in più tempi per poterli apprezzare per bene (un altro cd del genere era l'ultima fatica dei Massive Attack). 

comments powered by Disqus