M+A @ Tunnel (Milano)

26.11.14 - posted by Annie.Dima Share

Dopo aver avuto la possibilita' di assistere ai concerti inglesi del duo/trio degli M+A, la curiosita' e l'hype attorno allo loro esibizione in terra italiana erano davvero tanti.

Il tunnel, si sa, non e' particolarmente famoso per l'acustica o la resa delle band che si trovano a calcare quel palco, ma nonostante cio' questi ragazzi hanno saputo soddisfare le aspettative del pubblico accorso numeroso nella serata (infrasettimanale) milanese.

La costruzione del palco, ricoperto di piante e con ogni strumento posizionato alla perfezione fa da ottima coornice anche al dj set di apertura, che scalda il pubblico per un'oretta prima del concerto. 

Sono ormai le dieci e mezza quando il concerto degli M+A inizia. Scaletta precisa, che snocciola i migliori pezzi di questi ragazzi e look hipster-trendy la fanno da padrone sopra e sotto il palco.

La scaletta e' quella a cui questi ragazzi mi avevano abituata a Londra.  La loro musica power pop riesce a smuovere tutti ancora una volta e i loro richiami internazionali sono sempre piu' chiari.

Canzoni come 'Habe on use' , 'When' e 'Bouncy' sono rese ancora piu' caratteristiche dai nuovi remixaggi e da dei speciali 'tubi di luce' che vengono regalati al pubblico. Ottima mossa per coinvolgere definitivamente tutte le persone presenti.

Cosi' nonostante il frusciare delle casse e qualche pecca qua e la il concerto scorre veloce e ritmato.
Il muro di suono ha una resa migliore se superi le prime file. Il concerto infatti, se visto da altezza banchetto risulta ben curato.

Luci, grafiche e visual sono pressoche' gestiti e giocati ottimamente e gli errori sembrano passare in secondo piano.

Onore al merito va , ovviamente, anche ai ragazzi e soprattutto al percussionista, che dona a questa band quel qualcosa in piu' che li distingue e valorizza nel panorama della musica elettronica.

Il set dura, ahime' , solo un'oretta. Oretta comprensiva di auguri di compleanno per Alessandro (meglio conosciuto come A.) e con encore che snocciolano brani gia' presenti in scaletta ma remixati e riadattati.
Dopotutto quando un pezzo funziona remixarlo e giocarci sopra durante un live non puo' che essere un ottimo esperimento.

Quel che ci aspetta ora e' attendere i nuovo lavori di questi ragazzi, per scoprire che strada interprenderanno, o chissa', se li 'perderemo' definitivamente a favore delle terre inglesi.

 

comments powered by Disqus