"Motorama" live at Vinile (VI), 30 Nov 2013

10.12.13 - posted by c.mcintosh Share

Mi scuso per il ritardo con cui arriva questa recensione ma il tempo corre, la vita corre, gli impegni si accavallano.

Poche sono state le date italiane per i Motorama, una band che arriva dalla gelida Russia ma non approda sicuramente in una calda Italia.

La location del live è stata il Vinile, locale dell'entroterra bassanese, in provincia di Vicenza. Un posto storico per questa zona, non enorme ma con una buonissima acustica. La serata, chiamata "Last Nite Party" e dedicata alla musica indie, ha deciso di ospitarli e di portare un po' di calore freddo russo. 

Dopo che il locale si è notevolmente riempito, il primo battito di batteria ha risvegliato i presenti che hanno riempito lo spazio davanti al palco. Il live dei Motorama è difficile da descrivere, perchè si riscontra una commistione di freddezza e calore, di calma placida e ritmi scatenati. Tende ad essere un concerto pacato, che poi ad un certo punto scatena quel movimento ondeggiante della testa, poi delle spalle, poi delle gambe e infine cominci a ballare senza accorgerti.

Possono sembrare freddi e impostati, con poco movimento sul palco, ma la loro presenza scenica consiste nella quasi immobilità fisica e in un'energia di trasmissione dei sentimenti, che non ti saresti mai aspettato da loro. L'ispirazione musicale dei Motorama è decisamente chiara, perchè ci riportano al passato dei Joy Division, ma con decisamente ritmi diversi e un'influenza moderna non da poco. 

Decisamente molto bravi, hanno catturato l'attenzione del pubblico senza perderlo e hanno incantato anche gli scettici. Decisamente da rivedere, o per chi non è andato a sentirli nelle loro date italiane perchè non poteva o non li conosceva, sono da vedere assolutamente.

La scaletta del live:

 Lantern

White Light

To The South

Letter Home

Eyes

Young River

Wind in her hair

One Moment

Two Stones

She Is There

Winter At Night

Far Away From

The City

Alps

Anchor

During The Years

comments powered by Disqus