Alter Bridge live in Milan

04.12.10 - posted by MissElena Share

Quattro concerti, tre sold out ed una data (quella di stasera) che lo sarà di sicuro.
Questo è un successo!
Protagonisti di codesta impresa: gli Alter Bridge.

Un alcatraz strapieno (come si è detto prima è una data esaurita) ha atteso con ansia le 21 per l’inizio del concerto: nessun supporters, solo musica che teneva compagnia mentre tutti continuavano a guardare nervosamente verso il palco.

Salgono puntualissimi on stage e si inizia subito con Slip the void, buried alive e before tomorrow comes… Inizio stupendo direi.

Ciò che caratterizza gli alter Bridge è innanzitutto la voce di Myles: lo abbiamo già lodato per il suo concerto con Slash al Palamadza di qualche mese fa che ha saputo esprimere appieno tutte le sue capacità canore. Con il suo gruppo risulta star bene come un pacchetto di natale sotto l’albero (Scusate, stamattina ero in preda alla corsa per i fatidici regali), e sa esprimersi  talmente bene, che se la gente rimane a bocca aperta non c’è da meravigliarsi.
Tremonti, piccolo genio spesso maltrattato per il suo gruppo precedente (Sì, intendo i Creed), è semplicemente perfetto… Ed i suoi sorrisi riescono a conquistarti per la gioia e l’amore che riescono ad esprimere. Ottimi anche Brian e Scott, seppur non si riesca a capire chi abbia deciso che  Phillips dovesse andare così veloce. Decisioni del gruppo a parte la serata è stata ottima!
Bella scaletta, che ha mixato 3 album senza annoiare, una Watch over you (classicamente) con il solo Myles sul palco e con l’encore carico di grande energia (Eh vorrei ben vedere… Con una canzone come Rise Today non puoi far altro che caricarti!).
Le note più curiose sono state i commenti delle ragazze su Myles: per me (E credo per almeno metà delle partecipanti) ormai non vi sono più dubbi… E’ un angelo quell’uomo; Con una voce del genere ed un viso così, non può che essere un angelo!
Rende felice l’apprezzamento di altri verso il primo chitarrista del gruppo: prima non ho mai sentito parlare tanto positivamente di Mark Tremonti.
Poi beh, è stato un ottimo spettacolo. La “sfida degli assoli” tra i due è stato un momento che difficilmente le mie orecchie scorderanno…
E da non dimenticare (E questo era già accaduto con Slash) la preoccupazione di Myles per i fans nelle prime file: al solito richiede un passo indietro e dedica poi loro ironicamente “I Know It Hurts”.

Ottimi artisti, ottimo talento, splendida musica.
Chi dice che la musica ormai è morta con il nuovo millennio di certo o è sordo o non ha mai ascoltato questo gruppo. Poche bugie, gli Alter Bridge valgono su ogni piano e lo stanno dimostrando!

Piccola nota che racchiude una curiosità detta da conoscenti ed amici “spie” in giro per Roma e Modena…Pare Myles stia soffrendo un pochetto fisicamente… Avrà mica preso freddo a Milano?
Pare insomma sia raffreddato e che quindi i concerti abbiano alcune pecche…
Se vi va di raccontarci qualcosa scriveteci… Io in primis, da fan, sono curiosissima!


Setlist di Milano:

1. Slip to the Void
2. Buried Alive
3. Before Tomorrow Comes
4. Find The Real
5. Brand New Start
6. White Knuckles
7. All Hope Is Gone
8. Metalingus
9. Ghost of Days Gone By
10. Broken Wings
11. Ties That Bind
12. Coeur d'Alene
13. One Day Remains
14. I Know It Hurts
15. Come To Life
16. Blackbird
17. Watch Over You (Myles solo)
18. Open Your Eyes

Encore:
19. Isolation
20. Rise Today

 

comments powered by Disqus