One Dimensional Man

01.11.10 - posted by MissElena Share

Ci sono dei gruppi che speri tornino presto a popolare ed a dare significato al panorama della musica italiana…Gli One Dimensional Man ne fanno assolutamente parte.
Dopo un lungo silenzio dettato anche da impegni di alcuni dei componenti (Vedi TDO) si ripropongono in questi pochi appuntamenti che hanno tutto l’aspetto di un buon un antipasto: poche date, ma cariche di attesa ed aspettativa da entrambe le parti e non deludono. Date che anticipano probabilmente un nuovo possibile tour ed un disco che viene proposto per il prossimo anno.
Noi lo aspettiamo con ansia.
Quello che però si è avuto davanti agli occhi per un’ottantina di minuti circa è stata una gran carica, con un Pierpaolo Capovilla che ha saputo dimostrare una versatilità eccellente ed un’ottima presenza scenica, di cui certamente non si dubitava..
Il ritorno al suo amato basso ha colmato quella voglia di cui sentiva la mancanza nell’altro suo progetto musicale già citato, seppur pareva abbastanza palese la scorsa sera mancasse quel contatto fisico col pubblico che aveva ai tempi del Tdo. Tornando al gruppo non possiamo non ricordare l’ottima prova di Bottiglieri, che è sembrato quasi una macchinetta da guerra e la bravura di Favero. Fa piacere ritrovarseli sul palco insieme: sarà la musica o la complicità che si respira, ma non si può fare a meno di non pensare che il loro ritorno sia un’ottima cosa,
L’uomo ad una dimensione, partorito da Marcuse e da cui prende il nome il gruppo, si ripropone parlando di alcuni temi sociali e piccole curiosità: che in Italia non vi sia alcuna legge che bandisca la tortura per un’introduzione de “Il valzer delle ossa rotte” o nel secondo bis in cui si parla della violenza sulle donne, che è la prima causa di morte per ragazze che non arrivano nemmeno ai 30 anni.
Interrogarsi su una società è sempre utile. Se questo avviene con tali maestri la lezione non può che essere assimilata meglio e con maggiore interesse. Ben venga che tornino gli ODM a farci riflettere.

comments powered by Disqus